Dieci minuti di intervallo

che somigliano alla battaglia di Adrianopoli

Di ciò vi devo informare

(sottotitolo: o sono pazza io o sono matti loro)

Sapete che questo aspira a essere anche un blog di servizio. Se vi sono cose che ritengo necessario sappiate, ve lo scrivo. Vi informo. Vi tengo aggiornati. A tutto campo. Sul passato, sul presente, sul futuro, anche, se posso.
Vi tengo aggiornati quando ho tempo, chiaro.
Oggi non ho tempo: ho tenuto d’occhio l’orologio: son lì dalle tre e mi toccano ancora almeno un’ora e tre quarti per venire a capo delle verifiche che voglio riportare domani. Intanto che son freschi di verifica.
E allora, che faccio qui?
Oltre ad avere aperto il computer perché cominci a calcolarmi percentuali e così via? Leggi il resto dell’articolo

Chi non muore…

Non so se qualcuno si ricorda FrontMan (pronuncia: fròntMaan).
Se non avete voglia di andarvene indietro nel tempo, vi conto qui che, in prima, tre minuti dopo essermi stato affidato dal Capo mi ha fatto un sacco di domande sulla scuola, scusi, prof, scusi, prof, e intanto mi ha detto che si chiamava Man, Front Man, e quando, dieci minuti dopo, finito il giretto della scuola, ho detto: Man, vieni qui, mi ha risposto: ma prof, ce l’ha con me?, e io ho strabuzzato gli occhi e gli ho risposto: eeehh??, e lui: eh, sì, mi continua a chiamare.
Per dire il tipo.
L’anno scorso stava sempre male quando c’erano le verifiche, perciò i genitori (pore bestie) hanno deciso che non sarebbero venuti più a prenderlo a scuola nemmeno se avesse vomitato l’anima.
Fatto sta che un giorno si è messo a vomitare l’anima. Nell’ora di scienze (interrogazione), ha cominciato con dei conati di vomito (so che fa schifo, ma se l’abbiamo sopportato noi, stateci vicini e sopportate anche voi), perciò la Conigli l’ha cacciato in bagno (cioè, gabinetto), a vomitare. Leggi il resto dell’articolo

La pace di Caporetto sul bassopiano di Asiago è colpa dei bacelli

Non so, forse dal titolo si intuisce lo sconforto.
Ma non è soltanto quello.
È che ho fatto un ragionamento profondo, durante l’ora di mensa, complice un bel piatto di tonno (freddo) e insalata vaga (tipo di insalata poco identificabile, anche la mia mensa preferita sta perdendo colpi). Questo ragionamento l’ho fatto con una collega di matematica, che ha studiato scienze. Voglio dire, è una scienziata, ok? Siamo giunti a questa conclusione: dopo averci fatto credere che Piaget fosse il vate; dopo averci fatto credere che Piaget fosse peggio di tonno e insalata in una mensa con tre gradi invernali che ti aspettano fuori; dopo aver rivalutato Piaget; dopo la civiltà dell’immagine, i nativi digitali, la flipped class e gli scemi digitali; dopo la scuola dell’autonomia, la LIM, i POF, i PDP, I BES, i DSA, le UdA e le UC; ecco. Dopo tutto questo abbiamo concluso una cosa: i nostri alunni sono in grave ritardo.
Ora, prima dell’alzata di scudi (poiché so e conosco le vostre magnifiche e simpatiche e studiose ed empatiche classi), chiarisco che stavamo parlando della nostra scuola e dei nostri alunni. Leggi il resto dell’articolo

Tiens, encore?

Charlie Hebdo siamo noi.

Charlie Hebdo siamo noi.

Amo i fumetti e, sì, amo anche insegnare. Mi spaventa che l’ignoranza, la mancanza di studio e di razionalità colpisca gli sberleffi e i sorrisi.

Pulizia di inizio anno…

tanta fatica invano...

tanta fatica invano…

e ritrovamenti…

Quanti furono i Re di Roma?
Sette.
Quali erano i loro nomi?
Pompilio Tollini Paolino Sabini Marco Marcio

Finisce l’anno. C’è bellezza, intorno. Auguri.

[grazie a Paolo Attivissimo per la segnalazione]

Corsi di aggiornamento

Vorrei chiedervi se posso farvi una domanda?

Vorrei chiedervi se posso farvi una domanda?

Sto partecipando… anzi, ho appena finito di partecipare ad alcuni corsi di aggiornamento online.
Uno l’ho abbandonato perché necessitava di un collegamento a Internet almeno a fibra ottica, e il mio vecchio modem arrancava e mi faceva saltare ogni due per tre (ora ho un modem nuovo, sì); un altro l’ho finito, un altro ancora lo finirò.
Sono corsi di aggiornamento per insegnanti. Per chi insegna. Per chi insegna in Italia. Non in Ostrogotia.
E… sì, lo so che ci sono molte e complesse questioni della scuola che meritano la nostra attenzione; lo so che non posso scrivere tutti i giorni ai direttori di quotidiani per dire che i loro giornalisti ignorano elementari regole di punteggiatura ed è inutile allora che chiedano il quotidiano in classe, leggete il quotidiano ragazzi, oh, come sono bravi gli insegnanti che fanno leggere i nostri sgrammaticati quotidiani a chi la grammatica (intesa in senso più largo possibile) la sta imparando.
Lo so.
E so anche che c’è gente che muore e che mentre ci facciamo gli auguri di Natale ci sono sul tavolo internazionale molte e complesse questioni. Anche qui, sì.
Lo so.
Ma lasciatemi dire che leggere il messaggio di un’insegnante che chiede:
“Vorrei sapere come posso inserire un link ad un video che sta su youtube?”
mi ha spinto a risponderle:
“Non lo so. Vorresti saperlo?”

Non posso lasciarvi all’oscuro

Vai di là con Bismarck, va'

Vai di là con Bismarck, va’

I socialisti utopisti sono Marcs ed Engels, che avevano fatto il partito comunista. Vengono chiamati così perché “uto” vuol dire “non” e “pista” vuol dire “luogo”, erano senza luogo dove stare.

Non c’è peggio al peggio

Volete sapere il modo gioioso
Con cui nella scuola della Capatórta
abbiam ricordato in stile gassoso
la festa che ormai sta arrivando alla porta?

E proprio davanti alla porta del Capo
(cioè, della Capa, scusate il mio lapsus)
han messo un… che cosa? (un bel rompicapo
costruito con cura, con arte del ca…psus).

Siccome si tratta di un bel manufatto
di bella presenza ma UNICO aspetto
ancora una volta io celo il misfatto
e chiedo di dirmi chi è il giovinetto

che ha fatto drizzare i capelli sul capo
al povero Bismark (e a me, poveretta)
che dopo aver detto (e spiegato daccapo)
la storia ho trovato ridotta a polpetta.

Protetto: Senza parole (ma con password)

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci qui sotto la password:

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 90 follower