Dieci minuti di intervallo

(contro la stupidità, neanche gli dei…)

Archivi Mensili: gennaio 2012

Ho un groppo in gola

…che la metà basta. Non so se è ancora la tonsillite, o le lacrime trattenute perchè domani avrei deciso di ricominciare.
Anche perché la tempistica, eh, la tempistica.
Il dottor Subito dice: vediamo lunedì. Soltanto che il regolamente dice che io posso sentire il dottor Subito dopo le otto (prima rivolgersi alla guardia medica, pliz), mentre devo essere al lavoro prima delle otto.
Come la mettiamo?
Comunque, oggi pomeriggio l’ho passato a correggere le cose che in questa settimana non ho avuto nemmeno la forza di alzare, e poi ho preparato tutta la lezione interattiva per domani, adesso son qui che vorrei andare a letto.
Anzi, ci vado.
Preparate i cucchiaini per venirmi a raccogliere domani.
Non ce n’è come stare a casa per abituarsi a stare a casa.

(comunque. volevo fare un post tutto diverso, anzi, due post tutti diersi. ve li dico, caso mai qualcuno mi rubasse l’idea:
il primo ragionava sul silenzio di tomba del ministero nostro, che in confronto alle squillanti cagate della mariasssss mi sembrava una gran bella cosa, ma ora comincio a preoccuparmi; il secondo ragionava sul cambiamento del blog, che quando non vi conoscevo era in un modo, e ora che vi conosco un po’ è in un altro.
Fine delle idee)

Amò?

Col passo del giaguaro

Intanto, già il fatto che io risponda agli accorati appelli e mi metta qui a scrivere, vi tranquillizza sulla mia salute.
Sbagliato.
Il dottor Subito, medico di famiglia, dice che sto messa peggio di una vecchia carretta. Il dottor Subito, chiamato stamane perché mi rendevo conto di stare peggio di una vecchia carretta, dice comunque che sto peggio di lunedì, e che, quando lunedì mi ha detto: apperò, quest’anno le tonsille fanno giudizio, era meglio se stava zitto. Leggi il resto dell’articolo

Niente resurrezioni?

Malaaaaataaa…

Internet goes on strike

La pagina di entrata di WordPress stamane. E se cercate di entrare ugualmente in qualche blog, vi spiegano perché, qui. e anche qui.

Sappiatelo/2

Il fatto è che sto bene, e mi ero messa qui buona e bella a pensare a come intrattenervi, visto che mi sono concessa un intervallo fino alle due, e il Capo stamane mi ha guardato e salutatao senza darmi un nuovo progetto da fare (solo dei documenti da rivedere e mettere sul sito); e ho soltanto due pacchetti di verifiche da correggere; e fino a giovedì il Drago non vuole il testo di una cosa che gli serve per lo spettacolo; e così via.
Ecco, il fatto era questo.
Ma.
Ho scoperto che sono senza Quaderno (non un quaderno, Il Quaderno) e pure senza borsa.
Probabilmente, mentre vagavo qui e là a firmare, provare, inserire, collegare e scollegare, ho mollato tutto in giro.
Perciò, ora, niente post.
Devo rimettermi in viaggio, tornare a scuola, e vedere di raccogliere ciò che ho seminato.
E non è Cultura.

Sappiatelo

Non sono i virgulti che mi hanno stroncato in questi due giorni di silenzio e poche ore di scuola.
E’ il Capo.
Mi sa che mi toccherà parlare anche del Capo, prima o poi.
Perché è una brava persona, in generale, ma mi sta tirando a cò!

Reale

Subliminale

maglione a righeHo perso dieci minuti per ricordare chi mi aveva fatto ricordare che dovevo ancora finire di mettere insieme il maglione dell’anno scorso. E poi ho perso ventotto minuti per riuscire a trovarlo (infognato in un armadio in casa, mentre l’ho cercato in cantina, da mia madre, ovunque). Adesso lo guardo, lì da cucire, e intanto correggo i quaderni di geografia e piango.