Dieci minuti di intervallo

(contro la stupidità, neanche gli dei…)

Archivi Mensili: dicembre 2012

Buon anno (al 99%)

Essendo giorni di festa

Aragoste luterane

Aragoste luterane

Mi fa molto piacere sapere, nel mentre sto correggendo le verifiche di storia, che il buon Lutero si fece ispirare dagli scritti Aragostiniani.

Ancora auguri dalle Figu…

Non ho tempo

Ho perso tempo con lui

Ho perso tempo con lui

Siccome è il mio giorno libero, si dà per assodato che non abbia un cavolo da fare.
Non ho da finire il registro (sì, bravi, io sono una di quelle che non riesce a scrivere il registro in classe, ma precipita nel baratro della lezione e dei virgulti e poi, sì, quando esce da quattro ore di seguito in prima mette il registro nel cassetto e scappa fuori a inseguire la sua sanità mentale e il giorno dopo arriva a scuola giusto per fare (di nascosto) le fotocopie della mappa concettuale che ha composto il giorno prima invece di compilare il registro e, sì, sono anche una lazzarona che qualche volta lascia il registro nel cassetto e corre a casa a preparare il pranzo per il figliolo che già una volta, tornando da scuola, le ha mangiato un pezzo di gamba di sedia, eccetera… Insomma, io il registro ho sempre da metterlo in pari, e così sono lì con tutte le mie griglie di excel ben compilate con i punteggi trasformati in voti ma devo anche inserirli sulle pagine del registro, anche se, siccome è il mio giorno libero, vox populi dice che non ho un cavolo da fare e ho due colleghe che mi dicono che loro invece hanno tutto a posto già da settembre); Leggi il resto dell’articolo

In risposta a Musicamauro…

Sì!

Neve del 14 dicembre ;-)

Neve del 14 dicembre 😉

e, per inciso, sono occupata a sopperire alle sviste delle Ferrovie: praticamente, sto sostituendo le principali linee ferroviarie della Regione…

La è, essa è, nevvero? [cit]

7 dicembre 2012

7 dicembre 2012

Piva, piva...

Piva, piva…

Probabilmente questo post conterrà turpiloquio…

…però mascherato.
Fatto sta che un mesetto fa mi ero messa in testa di segnare su apposito foglio e poi riportare qui sul blog tutte le attività extra che faccio per la scuola (vedi i miei “fannullamenti”).
Cioè, un momento, extra una bella merda. Extra lo pensa Profumo, che così ci dice: eh, voi, professori, non fate una mazza tutta la settimana, lavorate soltanto 18 ore ogni sette giorni, cacchiuo volete? Vi devo far lavorare sei ore in più, ché mica posso chiedere sei ore in più alla settimana agli operai del Sulcis, che alla miniera di Serbariu lavorano già fin troppo e allora a loro dobbiamo solo spostargli la pensione. Invece a voi, ore in più. Non pagate.
Ecco, extra lo pensa anche quel facciadicuolo dell’educatissimo Presidente del Consiglio, che fa finta che le ore fossero solo due (no, ciccio, quell’altro aveva detto sei) e poi, siccome non vogliamo lavorare due ore in più (sempre a gratis) dice che siamo dei conservatori.
Da questo, posso capire che i parlamentari sono dei rivoluzionari, giusto?
Loro lavorano indefessamente ore e ore in più, senza voler essere pagati. Vero? Leggi il resto dell’articolo