Dieci minuti di intervallo

(contro la stupidità, neanche gli dei…)

Archivi Mensili: gennaio 2014

Ho lasciato la mater senza colazione fino ad ora per scrivere, sappiatelo

La prima volta che ho avuto a che fare di persona personalmente con lei è stato quando a fine ottobre mi ha chiamato per sgridarmi (buon inizio d’anno anche a lei, grasssie, si figuri): mi fa entrare nel Sancta Sanctorum (da quest’anno, si entra solo se invitati o per appuntamento), mi piazza davanti al computer e mi dice: “Guardi qui guardi qui”.
Io noto che non usa le virgole, nel parlato, ma guardo. Vedo mail. Uno sfracco di mail. Decine e decine di mail. Mail non lette, tra l’altro. Dico: “Sì?”
“Vedi”, fa lei, “vedi? ti do del tu vero?”
Ma anche no. Leggi il resto dell’articolo

Invece (della citazione colta sugli orfani) (articolino che è anche dimostrazione scientifica dell’inconsistenza dei propositi di inizio anno)

faccio acqua da tutte le parti

faccio acqua da tutte le parti

Volevo cominciare con una citazione colta ed evangelica, ma non vorrei urtare la sensibilità di eventuali lettori miscredenti, perciò comincerò semplicemente rispondendo a Jo (Giò? Joe? Mah…) e a Cri(stina). Giò, eccomi qui. Cristina, sono ancora viva, più o meno.
Dico loro perché mi hanno gentilmente minacc scritto, ma mi accorgo ora che grande è il lamento che si alza dai commenti. Perciò, come resistere al grido di dolore eccetera?
Allora.
Invece di correggere le ultimissime verifiche del quadrimestre (qual è il lago più importante della Germania? Il fiume Danubio, risponde opportunamente Lucchetta; che cosa è il Concilio di Trento? Un ritrovo di parroci, specifica il suo compagno di banco), son qui. Leggi il resto dell’articolo