Dieci minuti di intervallo

(contro la stupidità, neanche gli dei…)

Archivi delle etichette: altriblog

Sì, però, (3)

Visto che i miei nuovi alunni delle nuove classi mi hanno dato grandi soddisfazioni con il dettato ortografico,
continuo a fare le pulci ad altri.

Auguro un anno con le virgole a posto

Auguro un anno con le virgole a posto

Sì, però (2)

Ammetto che ormai fare appunti sul modo di scrittura e sugli errori altrui è divenuto un riflesso automatico.
Da reprimere sempre più, quanto più il tutto si svolge sulla rete.
Ricordo quella pseudo-scrittrice che ha (pure!) vinto un concorso letterario della Rizzoli, e che metteva le maiuscole a caso, non andava mai a capo, usava le virgolette nei discorsi come se fossero a volte una cosa importantissima, a volte un optional, non sapeva che fosse la consecutio temporum (nell’uso, eh, non pretendevo la teoria) e così via. Ricordo che, quando qualcuno, commentando il suo pezzo, le fece osservare che forse andava ripulito un po’, rispose:
“Mentre voi studiavate l’inutile grammatica, io andavo a scuola di creatività”.
Amen. Leggi il resto dell’articolo

Il Grande Fratello

L'è lu, l'è lu, sì sì l'è propri lù...

L’è lu, l’è lu, sì sì l’è propri lù…

Devo dire che, in un momento di ricongiungimento famigliare con lontano parente, mi iscrissi a Facebook.
Devo anche dire che, in un momento di tentativo di sviare l’attenzione dalla mia iscrizione a Facebook, mi iscrissi pure come LaVostraProf.
Tempo fa, quando un vecchio amico scoprì che ero su Facebook, mi “chiese l’amicizia” (scusa, caro vecchio amico, ma l’espressione tra virgolette mi fa cagare).
Comunque, lui chiese e io non ricevetti.
Perché?
Leggi il resto dell’articolo

Preview con parentesi varie

Benché non si ancora ufficiale,
benché i miei dati (questi sì, ufficiali) siano appena stati spediti e debbano ancora essere controllati,
benché i miei figlioli abbiano teoricamente già spesso tutto e anche di più,
chiedendomi delle cose necessarissime,
[sì, lo so, non dovevo dire della cosa]
benché io debba (di conseguenza) dare addio al tablet che volevo,
comunico con soddisfazione che,
dopo tutti quei post, quelle foto, quelle vignette, quei messaggi
(che magari non tutti avete visto perché li ho sparsi ovunque),
insomma, dopo tutta quella campagna di cui si diceva a inizio settembre,
e con la quale vi ho sfracellato i maroni,
comunico, dicevo, che almeno ve li ho sfracellati per un motivo.

In attesa, esultiamo

In attesa, esultiamo

[chi volesse fare con me una discussione sul fatto che venga coinvolto un sito di vendite online assai discusso e criticato e con numerosi punti da rivedere, si accomodi pure; ne parliamo, e ci troveremo, immagino, d’accordo. Ma, per il momento, io quel buono mica lo butto. Lo uso.)

Giustificazione

e ancora Invalsi

Le mie stripssss preferite

Logga mi, Logga.me

Allora, grazie a suggerimenti preziosi, e grazie ai Logga.me che si sono buttati a pesce sulle isterie degli Splinderiani, tra ieri e oggi mi sono iscritta a Logga.me, ho ricevuto la mail di attivazione e, ‘sto pomeriggio, le istruzioni per riversare tuuuutto il mio blog da loro.
Le istruzioni sembrano portarvi alla morte civile del blog, ma se si legge una riga alla volta e si fa una cosa alla volta funzionano alla grande.
Alla fine avete il vostro (tuuuuutto) vecchio blog sulla loro piattaforma, e potete anche fare un “esporta”.
Non capivo a che servisse, ma l’ho fatto. Adesso ho un file completo di tuuuuutto il blog sul mio Pc. Formato .xml, che, qualunque cosa sia, mi consentirà di riportare il blog al completo su un’altra piattaforma, qualora lo volessi.
Svantaggi: la piattaforma è ancora in pratica quella di WordPress, e non è così malleabile come era Splinder (uhè, già parlo al passato); ci sono piccole pubblicità qui e là, magari a qualcuno possono dare fastidio.
Per ora, questo.
Poi, si vedrà.

Prepariamoci

Allora, ci ho messo ventidue minuti per riuscire ad aprire Splinder (il server è sovraccarico eccetera), altri cinque per rispondere a un messaggio (idem), ora funziona tutto. Ma.
Metti che un giorno mi sveglio e non funziona più nulla?
E io vi perdo tutti?
Naaaaa… Non potrei sopportarlo.
Allora, per intanto, annotatevi questo: https://dieciminuti.wordpress.com/
Preferisco Blogspot perché mi permette di cambiare quello che voglio, e di appiccicare figu dappertutto e colori e compagnia bella ma attualmente sono in modalità defilata ed elegante, quindi…
per ora de uinner is wordpress.

Se davvero

Se davvero Splinder chiude, bisogna spostarsi da un'altra parte.
Bisogna… Insomma, bisogna se si vuole.
Se davvero Splinder chiude, si perde tutto quello che si è creato in questi anni.
Lo so, lo so, che ci sono i modi per salvare, recuperare, ricominciare e compagnia bella, ma, tanto per dire, io non ci sono riuscita.
Avrete ben letto tutte quelle belle istruzioni che sono state date nei commenti al post precedente.
Io le ho seguite. Ho seguito anche quelle che mi ha passato Viv di straforo, probabilmente presumendo che avrei fatto tutto per benino. E invece.
Morire se ci sono riuscita.
Magari domani o dopo riprovo.
Comunque, spostarmi mi son spostata. Su WordPress.
Ecco, sì, lo so che tempo fa mi ero pure trasferita su Blogger, ma WordPress è così raaaaaffinaaaato. E in ogni modo niente è ancora deciso. O qui o là, insomma, vedremo.
Poi, se avete tanta nostalgia, vi faccio comprare il libro delle figu, eh?

Non mi devo lamentare dei virgulti

Berlu lettera

clic